Home » Cos’è la droga? » Le droghe nel corpo

Le droghe nel corpo

Un mito piuttosto diffuso sulle droghe, dice che restano nell’organismo solo per poco tempo e quindi non rappresentano un rischio a lungo termine. Sappiamo che la droga, spesso, non è questione di “una volta sola e mai più”. In realtà, le droghe possono causare danni considerevoli anche molto tempo dopo che si è smesso di prenderne.

Deposito di sostanze all’interno dei tessuti adiposi

Inoltre, la droga ha un effetto ancora più marcato e negativo sui giovani organismi in crescita, come quelli di bambini e ragazzi che sono in continuo mutamento, nella loro fase di sviluppo.
Ogni successivo uso di droga accumula un altro insieme di effetti collaterali di cui un individuo è completamente all’oscuro: la voglia ossessiva di droga innescata chimicamente. Quando egli ha ingerito della droga, originariamente, il suo corpo l’ha immediatamente identificata come veleno. Il fegato e i reni si sono messi subito a lavorare per metabolizzare quella sostanza, rompendola ed espellendola dal corpo. Durante il
processo di metabolizzazione, si crea un sottoprodotto: il metabolita, un residuo della droga ed un piccolo promemoria chimico. I metaboliti sono lipofili, sono attratti dai tessuti grassi del corpo.
Lipofilo: che ha un’affinità per, tende a connettersi o a combinarsi con o è in grado di sciogliersi nei lipigi (grassi). 
Mentre molti dei metaboliti vengono espulsi dal fiato, dal sudore e dalle urine, alcuni di questi vanno nei tessuti grassi del corpo e restano lì per lunghi periodi di tempo.

Le sostanze vengono rilasciate durante determinate attività

I metaboliti possono restare nei tessuti grassi del corpo per settimane, mesi o addirittura per anni; dipende dal tipo di droga usata e dal tipo dei fattori di metabolizzazione della persona, quali la quantità di tessuto grasso nel corpo, la velocità di metabolizzazione, ecc.
Ogni volta in cui l’individuo si arrabbia, è eccitato, teso, fa ginnastica o attività sessuale , il suo cuore batte più forte ed il grasso viene bruciato per ottenere energia. Quando la cellula grassa si brucia, rilascia nella circolazione del sangue il metabolita che arriva al cervello dando un piccolo assaggio della droga e causando il desiderio di prenderne ancora. Questi sono i meccanismi che stanno alla base della voglia ossessiva di droga. Molti di noi conoscono una persona che ha smesso di usare una droga ed entro un paio di settimane è ricaduta nel loro uso. Questo processo ne è in parte la causa.


Riassumendo per punti:
• Le droghe circolano nel flusso del sangue ed entrano nei tessuti del corpo. Molte droghe hanno una particolare attrazione per i tessuti grassi e si associano ad essi con facilità.
• Non sempre le droghe sono eliminate dal corpo. Residui di droghe possono restare a lungo nel grasso o in altri tessuti del corpo.
• Il corpo, durante uno sforzo fisico o altre attività che consumano grasso, in seguito può rilasciare queste sostanze chimiche (i residui di droga) nel flusso del sangue e far sperimentare nuovamente ad una persona gli effetti dannosi della droga.

 

 

Contattaci subito!!! 02-36589162