Home » All'estero » Gravidanza: attenzione ai farmaci assunti

Gravidanza: attenzione ai farmaci assunti

gravidanza

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università del Michigan, è stato registrato un allarmante aumento del tasso di bambini che nascono un una Sindrome di Astinenza Neo-natale (SAN). Si tratta di un doloroso processo analogo all’ astinenza di un adulto da oppiacei e da altre droghe che creano forte dipendenza.

Ciò avviene quando una madre in attesa assume potenti antidolorifici o altri medicinali; il bambino li assorbe e ne diventa dipendente presentando sintomi di astinenza alla nascita, quando viene rimosso dal corpo della madre e di conseguenza dalla droga o farmaco in questione.

Lo studio dell’Università del Michigan indica che ogni ora un bambino nasce dipendente da oppiacei negli Stati Uniti e in Tennessee, uno stato che ha visto i tassi della sindrome di astinenza neo-natale aumentare di 10 volte dal 2000. Infatti, su 1,000 bambini, 7,6 nel 2011 sono nati con qualche forma di questa sindrome.

Cosa succede ai bambini con la Sindrome di Astinenza Neo-natale

Apparentemente, gli effetti e conseguenze di questa sindrome sono così intensi e creano un tale disturbo che alcuni professionisti della salute hanno seri problemi a trattare i pazienti con questa sindrome. I bambini appena nati che presentano questa sindrome tipicamente passano molti giorni in estremo dolore, tremando, con dissenteria e soffrendo per un’ estrema disidratazione e per l’ incapacità di tenere fluidi persino con l’assistenza di una flebo.

Questi bambini vengono spesso messi nell’ unità di terapia intensiva perciò perdono tutto il tempo solitamente dedicato a ricevere allattamento dalla madre e a creare con lei un legame.
Ai bambini con questa sindrome viene spesso dato il metadone per facilitare la loro dipendenza dagli oppiacei. Il metadone però è spesso esso stesso una delle maggiori cause di overdose di droga e richiede un lungo e rigoroso programma per essere scalato, tanto che questo processo trasformarsi in una sofferenza.
I fatti suggeriscono anche che i bambini con la SAN sono tendenti ad avere complicazioni come l’autismo, una condizione che viene essa stessa curata con farmaci che potenzialmente creano dipendenza.
Siccome viene spesso percepito che la madre abbia fatto un enorme errore, anche se questi farmaci oppiacei le erano stati legalmente prescritti da un medico, i figli con la sindrome di NAS possono anche finire sotto custodia dei Servizi Sociali.

Come iniziare a Porre Fine al Problema

Un buon modo di iniziare, secondo molti esperti e operatori nel campo dell’abuso di sostanze, è di educareneonato meglio le donne incinte a pensare meglio prima di iniziare con l’uso di qualsiasi farmaco durante la gravidanza. Far loro conoscere i rischi dell’uso di antidolorifici durante la gravidanza, specialmente se oppiacei. Alcune persone pensano che dovrebbe essere tutto molto chiaro per le gestanti, in modo che possano prendere una decisione intelligente e informata. Molte persone pensano anche che, dato il fatto che più del 60% delle madri di figli con la NAS prendevano farmaci a loro legalmente prescritti e che tali medicinali sono risultati in questa sindrome, tale processo di prescrizione dovrebbe essere controllato più da vicino e verificato.

Potrebbe essere necessario, come ha suggerito qualcuno, esplorare alcune alternative ai farmaci antidolorifici per sradicare completamente il richio di sindrome da astinenza prenatale causata da tali farmaci. Una volta che il bambino si trova nel mezzo della NAS molte persone consigliano di trovare alternative al metadone e ad altri farmaci, in modo che il ciclo di dipendenza e di declino venga sviato.

Per più informazioni sui programmi di riabilitazione Narconon chiama lo 0236589162 o scrivi a help@narcononprevenzione.it .

 

Fonte: http://stopaddiction.com/blog/increasing-number-of-babies-being-born-addicted-to-drugs/

Leave a Comment